Progetti e finanziamenti, intervista al sindaco di Bacoli, Ermanno Schiano

di aldocimmino

Così come a Pozzuoli, anche a Bacoli sono in arrivo milioni di euro di fondi europei. Un’occasione imperdibile per la città bacolese che non può essere gettata alle ortiche per manzanze amministrative o, peggio ancora, lasciata nelle mani della criminalità organizzata. Ne parliamo con il sindaco di Bacoli, Ermanno Schiano, per capire come l’amministrazione stia interpretando il proprio ruolo.

Sindaco, il cuore degli investimenti è concentrato tra Pozzuoli e Bacoli, quali, quanti e che valore hanno i progetti per l’area di Bacoli?

“Grandi Laghi”, PIRAP, “Eco Generation” sono solo alcuni dei progetti approvati ed in fase di attuazione che mirano al rilancio del nostro territorio. Come nel caso del progetto “Grandi Laghi”, percorso avviato nel 2010 e che rappresenta una grande sfida per i Campi Flegrei, oggi più che mai uniti in un’unica grande città.  Il progetto prevede, per la Città di Bacoli, finanziamenti che ammontano a circa 20 milioni di euro per l’intervento fognario intercomunale tra Bacoli e Monte di Procida; il risanamento idraulico del bacino del lago Miseno; la sistemazione fognaria dell’Area Torre di Cappella con ampliamento della sede viaria e intervento di riapertura, sistemazione e protezione delle foci del lago Fusaro. Poi ci sono i “PIRAP” ( Progetti Integrati Rurali per le Aree Protette) che prevedono finanziamenti per circa un milione di euro e che riguarderanno, tra le altre cose, il completamento della passeggiata circumlacuale del lago Miseno, valorizzazione dell’edificio storico dell’Ostrichina; allestimento di info-point ed access-point nelle stazioni della linea cumana, recupero del parco quarantenario sul lago Fusaro e riqualificazione del giardino botanico di “Villa Cerillo”. Infine, tra i progetti approvati c’è  “Eco Generation”, per la sostenibilità energetica nelle scuole di Bacoli”, da realizzare negli istituti comprensivi “Plinio il Vecchio” e “Antonio Gramsci”, per il quale arriverà un finanziamento di circa un milione di euro.

In termini di sviluppo quali ricadute avranno sul territorio questi finanziamenti?

Questi finanziamenti  rappresentano un volano per lo sviluppo della città. E’ attraverso l’attuazione di questi progetti, frutto di un percorso iniziato da oltre due anni a questa parte, che puntiamo alla riqualificazione delle aree periferiche della città, delle scuole, al rilancio di un turismo di qualità. Condizioni fondamentali per uno sviluppo economico che, nelle migliori situazioni, creano anche nuovi sbocchi occupazionali.

Quali strumenti sta predisponendo per contrastare eventuali infiltrazioni camorristiche in economia?

Quello di puntare a procedimenti ad evidenza pubblica nel rispetto delle normative comunitarie. Oltre ad una continua collaborazione con le forze dell’ordine a cui ogni giorno va il mio ringraziamento per l’impegno profuso sul territorio e all’istituzione di nuovi presidi di legalità come lo sportello antiracket. Infine, mi preme lanciare un appello a tutti i cittadini, dalla classe operaia a quella imprenditoriale: “Non abbiate paura, denunciate. Siamo tutti dalla vostra parte. Noi e in primis le forze dell’ordine. Solo parlandone si può sconfiggere la criminalità che fa del silenzio, della paura e dell’omertà le sue armi”.

Sono previsti modelli di partecipazione della cittadinanza alla programmazione e gestione di questi finanziamenti?

Certamente. Stiamo mettendo a punto la realizzazione di Forum, momenti di partecipazione sociale attraverso incontri, dibattiti e anche con l’utilizzo dei nuovi mezzi di comunicazione, i social network, il sito istituzionale del comune di Bacoli, in maniera tale da avere una relazione costante e multicanale con i cittadini che rappresentano i nostri veri interlocutori.

pubblicato su www.liniziativa.net