VOGLIOURLARE

…a che serve essere vivi, se non si ha il coraggio di lottare? -Giuseppe Fava-

Tag: droga

Camorra, nuovi arresti contro il clan Polverino

by aldocimmino

Arrestato Luigi Felaco, figlio di Giuseppe Felaco referenti di una camorra imprenditrice di lungo corso sul territorio dei Campi Flegrei

Non si arrestano i colpi inferti al clan Polverino-Nuvoletta. La cosca camorristica, egemone a Marano e nei territori dei Campi Flegrei, subisce un nuovo colpo, con l’arresto di Luigi Felaco.

Gli uomini della Direzione investigativa antimafia (Dia), coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Napoli, lo hanno bloccato, lo scorso sabato 21 marzo, sulla spiaggia di “San Sossio”, località Miseno nel comune di Bacoli.

L’uomo, quarantenne, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, con l’accusa di associazione mafiosa e spaccio di sostanze stupefacenti. Termina così la latitanza di Felaco.

Figlio di un altro e ben noto Felaco, Giuseppe, ex ras del clan Polverino-Nuvoletta, condannato a tre anni e sei mesi, in quanto ritenuto dai giudici “organicamente inserito nel clan Nuvoletta”.

Ma il ruolo di Giuseppe Felaco, soprannominato Peppe Nazzaro, risulta di fondamentale importanza nel settore dell’edilizia. Settore ampiamente finanziato dal reinvestimento dei capitali, prodotti dallo spaccio di sostanze stupefacenti, che vengono ampiamente commercializzate sul territorio flegreo e specialmente a Quarto.

Leggi il seguito di questo post »

Camorra, non si arrestano le vittorie dello Stato

by aldocimmino

Le operazioni dei carabinieri e della Dia hanno portato ad ingenti sequestri di droga e beni , nel casertano, per 10 milioni di euro

ArrestoLe manette sono ancora scattate contro esponenti del clan degli “scissionisti” di Scampia. Ieri mattina i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna, in provincia di Napoli, hanno eseguito un decreto di fermo che era stato emesso, lo scorso primo giugno, dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli.  “Associazione per delinquere finalizzata allo spaccio di droga” sarebbe l’accusa con la quale dodici persone sono finite in carcere con l’aggravante dell’associazione camorristica degli “scissionisti”. Grazie alla collaborazione di alcuni pentiti di spicco come Maurizio Prestieri, boss di Secondigliano condannato a 24 anni di reclusione, gli inquirenti hanno potuto ricostruire le vicende legate alla vendita di sostanze stupefacenti.

Prestieri  già nel 2008 dichiarava che il clan di Lauro fatturava,  grazie alla vendita di droga, circa 52 miliardi di vecchie lire all’anno. Quella  dei “sette palazzi” era una piazza di spaccio da sempre gestita dalla famiglia Prestieri e che successivamente, raccontano i pentiti, è stata acquistata dal clan degli “scissionisti” che l’affidavano a persone di loro stretta fiducia.

 Leggi tutto su: http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=7749

In manette pusher e spacciatori di vari clan del napoletano

by aldocimmino

Le "vele" di Scampia

Le operazioni della polizia nel giro di una settimana hanno portato all’arresto di pusher e spacciatori in molte delle piazze di spaccio del napoletano. Le zone interessate sono state Torre Annunziata, Scampia e Ponticelli. Le operazioni, degli uomini dei locali commissariati, hanno confermato che uno dei più attivi settori dell’economia criminale è quello del traffico di sostanze stupefacenti. Il commercio avviene alla luce del sole e con tecniche che assicurano “l’invisibilità” agli spacciatori. Dono che però la polizia ha scoperto; come la postazione di Scampia, in via della Resistenza, lotto P isolato 4, su un albero i cui rami erano la base di una pedana che permetteva alle vedette di vedere in largo anticipo l’arrivo della polizia.

 Leggi tutto su: http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=5966

Nuovo arresto di camorra in Spagna: Caiazzo in manette

by aldocimmino

Antonio Caiazzo

Un nuovo arresto in Spagna ha assicurato alla giustizia l’ennisimo boss della Camorra.

Si tratta di Antonio Caiazzo, padrino dei quartieri Vomero ed Arenella.

Oltre a Caiazzo è stato arrestato anche il suo “guardaspalle” Francesco Simeoli.

I due sono stati fermati, dai Carabinieri e dall’unità centrale della Guardia Civil, all’uscita di un ristorante italiano, “Bella Napoli” che è ritenuto un luogo di incontro di trafficanti internazionali di droga.  

 

Leggi tutto su: http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=5909