Una manifestazione contro camorra e razzismo nella “terra di nessuno e terra di sfruttamento”

di aldocimmino

 La politica lascia spazi che la camorra occupa con lo sfruttamento della manodopera e della prostituzione di immigrati

 

immigrati manifestano a Castel VolturnoDopo sette mesi dalla strage di camorra, quando il 18 settembre 2008 furono trucidati sei africani innocenti, il “movimento dei migranti e dei rifugiati di Caserta” è sceso in piazza a Castel Volturno. Con il sostegno dalla rete antirazzista della Campania, a cui hanno aderito tra gli altri Dario Fo, Franca Rame e il coordinamento immigrati di tutta Italia, circa 6.000 persone hanno sfilato per il lungo percorso della manifestazione. Associazioni, cittadini e soprattutto moltissimi immigrati che hanno voluto mostrare il vero volto dell’immigrazione; persone che, sfruttate, lavorano nell’agricoltura o nel settore fondiario e che di fatto vivono una grande contraddizione, in Italia, essendo sprovvisti di un permesso di soggiorno. Tutti fianco a fianco per ricordare le sei vittime innocenti della camorra e per dire no al razzismo. Un coloratissimo corteo ha invaso la strada principale di Castel Volturno, partendo dall’ “American Palace” simbolo della precarietà e del degrado della vita di molti immigrati. Una terra, quella di Castel Volturno, più volte definita da Mamadou Sy, vice presidente della comunita senegalese in Campania, “una terra di nessuno e una terra di sfruttamento” sulla quale pesa la mano della camorra che «può essere sconfitta – afferma con forza Francesco Nuzzo, sindaco di Castel Volturno, attraverso le istituzioni forti e i comportamenti legislativamente corretti di quelle locali». In questi mesi c’è stata una forte campagna sul territorio di Castel Volturno che tenta di opporsi alle tensioni che persistono tra migranti e autoctoni, alimentate dalla mancanza di servizi sul territorio che creano disagio a tutti.

Leggi tutto su: http://www.liberainformazione.org/news.php?newsid=7053